Bioenergetica

La bioenergetica è una tecnica psico-corporea che si serve di tecniche respiratorie, esercizi fisici, posizioni e contatti corporei, associati a un’analisi psicologica e del carattere.
E’ finalizzata a realizzare l’integrazione tra corpo e mente, per aiutare la persona a sciogliere i blocchi energetici e i meccanismi difensivi che si creano a livello fisico, psichico, emotivo e che inibiscono il piacere e la gioia di vivere.
L’attenzione è pertanto focalizzata su un problema attuale o vissuto che si manifesta nell’aspetto corporeo, nella postura, negli atteggiamenti.


Wilhelm Reich neuropsichiatra austriaco allievo di Freud, elaborò il concetto dell’energia libidica, sviluppò il tema dell’energia orgonica (energia vitale) che trova la sua massima espressione nella sessualità, scorrendo liberamente lungo tutto il corpo.
Secondo la sua teoria, la capacità di desiderare e di godere, viene repressa attraverso pressioni esterne o interne (angoscie, inibizioni e blocchi).
Egli scoprì la corazza caratteriale: consiste in tutti quegli atteggiamenti sviluppati dall’individuo per bloccare le proprie emozioni e i propri desideri. Queste sono modalità difensive che si mostrano a livello fisico come rigidità corporee (la corazza muscolare) e a livello psicologico come atteggiamenti caratteriali e limitano il contatto emozionale.

Con il tempo lo stato cronico di contrazione muscolare aumenta l’indurimento del carattere, riducendo la comunicabilità, l’amore e la percezione del piacere di vivere.
La corazza si accentua di anno in anno per l’accumularsi delle tensioni, e non è certo facile riuscire a liberarsene, anzi, qualcuno non sia accorge nemmeno di averla.
Essa limita l’emotività e la libera espressione dei sentimenti e impedisce il libero scorrere dell’energia vitale.


Lowen, allievo di Reich, riprese il concetto di energia vitale e sviluppò la terapia bioenergetica.
Lo scopo della bioenergetica è quello di rilassare le contrazioni muscolari permettendo così di far affiorare alla coscienza le emozioni che hanno provocato questi blocchi e di restituire alla persona uno stato di naturale carica energetica.
Con un lavoro corporeo, attraverso l’espressione delle emozioni e il supporto di una elaborazione analitica, porta a ristabilire l’equilibrio dell’unità corpo-mente e a recuperare l’energia vitale.

La terapia bioenergetica sfrutta delle tecniche quali:

-La respirazione: per ripristinare una respirazione profonda e calma utile per sciogliere le tensioni profonde e permettere la libera manifestazione delle emozioni.

-Il rilassamento delle contrazioni muscolari: attraverso tecniche corporee di espressione, di movimento, di contatto, di manipolazione, volte allo scioglimento delle tensioni e al rilassamento profondo.

-Il grounding : è la chiave del lavoro bioenergetico, è strettamente collegato alla respirazione. Letteralmente significa ristabilire il contatto dei piedi con il terreno che simboleggia la realtà. È un lavoro che insegna a sentire e liberare la carica energetica delle gambe e dei piedi. La persona in questo modo si sente più "radicata" e "centrata", trova il coraggio di "stare in piedi sulle proprie gambe", diviene più in contatto con la realtà, più integrata e responsabile.


Questo tipo di terapia viene praticata solamente in contesti specifici quale è la formazione BP e da personale altamente qualificato che è stato formato per eseguire questa tecniche in assoluta sicurezza.






Approfondimenti

Contattaci

Ogni situazione è diversa, e richiede soluzioni personalizzate.
Inviaci le tue richieste e valuteremo insieme a te il miglior percorso da proporti.

Download

I materiali resi disponibili a tutti i visitatori del sito comprendono: dispense, volantini, locandine, articoli, libri ma anche registrazioni, immagini, powerpoint.


Ricerca